Saluto del presidente

lettera del presidente Valerio Faretti datata 7 dicembre 2012

Stimati soci STEA,

Da poche settimane sono stato chiamato alla presidenza della Società e con piacere mi presento: mi chiamo Valerio Faretti sono nato a Faido nel 1951 e sono attinente di Cavagnago.

Dopo le scuole dell'obbligo, ho frequentato la Scuola Agricola di Mezzana. Al collegio St. Michael di Zugo ho imparato la lingua tedesca. Sono diplomato presso la Scuola d'Industria Lattiera e Casearia a Grangeneuve ( FR ).

Ho esercitato la professione di casaro nei cantoni San Gallo e Friborgo , sugli alpi Giumello e Stabiello, al caseificio sociale di Ambri . Sono stato consulente agricolo cantonale; in seguito ho lavorato nel commercio e fino al prepensionamento, come responsabile della sicurezza di un istituto bancario Luganese.

Al momento dell'introduzione della DOP presso la STEA, i responsabili mi hanno contattato per entrare a far parte della commissione di tassazione.

L'economia alpestre in Ticino ha sempre avuto una notevole importanza visto che una gran parte della popolazione, sia prima che dopo la seconda guerra mondiale, viveva di agricoltura e di pastorizia. Con gli anni si è sempre cercato di migliorare sia dal lato degli stabili che da quelli igienico sanitari e nella lavorazione, raggiungendo ai giorni nostri un'ottima qualità del prodotto: il formaggio d'alpe. Questa qualità è stata ottenuta grazie alla consulenza del compianto Celso Pedretti e dal suo successore Giorgio Antonioli e con la collaborazione del SICL con i consulenti Bontognali e Rezzonico. Ora la signora Riva -Scettrini continua la consulenza al 50% ma non è sufficiente; sarà una tematica prioritaria da risolvere per l'immediato futuro, così come la problematica dei suini in alpeggio e alcuni articoli dell'elenco degli obblighi che dovranno essere modificati per il futuro dell'alpicoltura.

Per ottenere risultati performanti, ci vuole l'impegno del presidente e dei membri di comitato, ma soprattutto il vostro sostegno cari soci; una presenza maggiore alle assemblee ed alle riunioni periodiche è più che auspicabile, così come un maggior impegno nell'adempiere a quei piccoli compiti cartacei, che sono sì noiosi, ma necessari . Volentieri, accetto suggerimenti per poter progredire assieme.

Sottolineo il lavoro svolto da chi mi ha preceduto alla presidenza, dai colleghi di comitato e dai membri della Commissione di Tassazione DOP.

Porgo a tutti i migliori saluti.